Seleziona una pagina

Una regola fondamentale e imprescindibile del Pair Trading è quella di scegliere due assets che siano correlati tra loro in modo che, essendo contemporaneamente long su uno e short sull’altro, si realizzi la desiderata neutralità rispetto al mercato.
L’evoluzione n-dimensionale del Pair Trading, il Multiple Spread Trading, realizza lo stesso obiettivo di neutralità operando contemporaneamente su più assets utilizzando algoritmi più sofisticati.
Questi stessi algoritmi sono inoltre in grado di determinare la combinazione di sottostanti che offra la più elevata probabilità di ritorno alla media anche nel caso di assets che presentino tra loro una correlazione inversa, sempre mantenendo la caratteristica di neutralità rispetto al mercato.

Si apre così, grazie al Multiple Spread Trading, uno scenario del tutto inedito: la possibilità di utilizzare anche assets legati tra loro mediante una correlazione inversa.

Esempi di assets correlati inversamente? È noto che spesso i principali indici borsistici sono correlati negativamente con i rendimenti dei titoli di stato, oppure con il prezzo dell’oro, sicuramente con gli indici di volatilità.

Consideriamo quindi come prototipo di questa operatività una coppia ben anticorrelata ovvero quella formata da: SPY e VXX.

Una caratteristica dell’Inverse Correlation Spread Trading è che si apriranno contemporaneamente tutte le posizioni long (o short) sui due o più assets considerati, assumendo sempre di fatto una posizione netta neutrale rispetto al mercato.

Un esempio chiarificatore: sappiamo che talvolta si presenta un aumento di volatilità, ad esempio in prossimità dell’uscita di un dato finanziario importante, mentre l’indice borsistico rimane ancora fermo in attesa di prendere una direzione precisa.

Non appena il dato viene comunicato: o l’indice scenderà oppure a scendere sarà la volatilità.

Potrebbe un algoritmo dirmi le esatte quantità di azioni SPY e VXX da vendere contemporaneamente in modo da poter guadagnare globalmente in entrambi i casi?

Questo è ciò che fanno gli algoritmi del Multiple Spread Trading.

Vediamo nel dettaglio:

Venerdì 7 Ottobre 2016 si è ottenuto lo Spread formato dalla seguente combinazione lineare dei due titoli:

Buy 276 VXX

Buy 424 SPY

Si può osservare come in soli due giorni borsistici tale Spread ha dato luogo ad un ingresso long ed uno short, nel momento in cui la linea rossa è rientrata all’interno della banda di Bollinger inferiore e superiore. Le due operazioni sono state entrambe chiuse in profitto al raggiungimento del valore medio (tecnica convergence), realizzando totalmente l’8,5% di guadagno netto rispetto al margine impiegato.

La composizione dell’operazione va quindi ricalcolata frequentemente in modo da adattare il peso di ciascuna componente ai movimenti di mercato e di volatilità, così da massimizzare le probabilità di guadagno.

Grazie agli algoritmi del Multiple Spread Trading e alla correlazione inversa!

Se vuoi approfondire lo Spread Trading, clicca qui

Michele Bogliardi

Spread Master Trader

Esperto di Trading Systems Automatici con 25 anni di esperienza in Software Simulation e Algorithms Development. Dal 2002 sviluppa Algoritmi e Trading Systems Automatici su Azioni, Futures, Forex e Opzioni nel mercato USA.