Seleziona una pagina

Proviamo ad effettuare un’analisi esclusivamente tecnica del Crude Oil, senza nessuna considerazione geo-politica, secondo la teoria delle onde di Elliott.

Il crude Oil (petrolio americano) è approdato alla soglia critica dei 50 dollari al barile già da qualche seduta e staziona lievemente al di sotto di questo livello senza riuscire, per il momento, a superare tale resistenza.

Quello che viene spontaneo chiedersi è se i prezzi riusciranno a rompere la soglia, anche psicologica, dei 50$ e fin dove si potranno spingere.

Qui di seguito un grafico giornaliero del crude Oil cash:

Crude Oil1

Attualmente i prezzi del crude Oil hanno violato le resistenze statiche poste in area 48 e 49 e si accingono a raggiungere l’ultima resistenza statica posta sul livello di prezzo di 50,80.

Presumibilmente il movimento partito dai minimi di febbraio dovrebbe essere a carattere correttivo, lo abbiamo classificato come un ABC, in vista anche della notevole diminuzione di forza della ipotetica onda C, evidenziata dall’oscillatore.

Per capire se i prezzi romperanno o meno tali resistenze, proviamo a classificare tutta l’onda C, utilizzando un time frame inferiore. Cerchiamo di capire se può essere giunta al termine.

Crude Oil2

Crude Oil: cosa potrebbe succedere?

Classificando i contorti movimenti di onda C, ci accorgiamo che abbiamo avuto un’onda (3) di C in doppia estensione e che l’onda (5) finale non sembra ancora terminata, di conseguenza è presumibile pensare che avverrà una rottura rialzista della soglia di 50$ con un successivo allungo dei prezzi del crude Oil fra i 53 e i 55 dollari al barile. Facciamo notare che onda C ha attualmente raggiunto un’estensione del 100% esatto di onda A ed una rottura di questo limite potrebbe proiettare i valori verso una estensione del 138,6% che corrisponderebbe ad un livello di prezzo di 55,60 dollari circa. In area 53,50 si colloca una ulteriore resistenza statica.

In conclusione rimaniamo rialzisti sul petrolio con target di prezzo compresi fra 53,50 e 55,60.

Buon trading.

Agata Gimmillaro